The State Of The Web

10 07 2008

Come riassumere in poche parole e/o immagini gli ultimi mesi di feroce e spietata evoluzione del Web?

Siamo nel web 2.0 e già si parla di 3.0

Ci stiamo abituati a conoscere ai servizi web utili o meno su cui migliaia di blogger ci hanno scassato il cosiddetto sacchetto di noci ed ora scopriamo che sono già out.

Abbiamo assistito a grandi fenomeni della rete, record di download, record di rumors, di chi sale e di chi scende.

Insomma facciamo il punto della situazione ed andiamo a vedere come Matthew Inman ci presenta il web collezione estate 2008 😀

http://0at.org/summer-2008.html

Annunci




PasteBin – strumento di collaborazione per programmatori

16 06 2008

Pastebin è un sito in cui gli utenti, senza bisogno di iscriversi, possono copiare porzioni di codice o anche di semplice testo per poterla scambiare agevolmente con altre persone che possono anche non essere in linea in quel momento. L’idea è nata per facilitare il compito dei programmatori che collaborano a distanza e che usando gli abituali mezzi di comunicazione di Internet, come le mail, chat, forum, non potevano sfruttare alcune caratteristiche come l’evidenziazione della sintassi o apportare modifiche dirette al codice senza ricorrere ad infiniti copia incolla.

Come funziona?

Andata sulla home page del sito, copiate il vostro codice o semplice messaggio, selezionate la sintassi per la colorazione delle parole chiave, scegliete la durata del post e inviate. Vi verrà subito fornito il link alla pagina da voi creata del tipo che sarà qualcosa come questa http://pastebin.com/f1daceee5 (Qualcuno ha capito a cosa servono quei comandi nel link?).

Ora potete usare il link alla pagine per le Vostre necessità, e a chiunque invierete il link potrà apportare direttamente le modifiche al testo/codice, ed ogni variazione potrà essere evidenziata in stile diff.

L’interfaccia del sito è davvero semplice e spartana, a tutto vantaggio della velocità di caricamento. Ma le funzionalità non finiscono qua!

Potete crearvi un sottodominio con il nome che volete in modo da poter meglio catalogare tutte le vostre pagine. Infine per i più curiosi, Vi segnalo che l’autore del sito nonché del codice, Paul Dixon, ha messo a disposizione sotto licenza GNU-GPL il sorgente del sito, ideale per chi vuole farsi idea di come avviene il syntax highlighting del codice 😉

Ah e per finire in bellezza, Vi segnalo che anche alla Ubuntu si sono attrezzati in merito, fornendo un clone, eccessivamente scarno IMHO, raggiungibile all’indirizzo http://paste.ubuntu.com/.

Mi raccomando sfruttiamo sempre le comodità che il Web ci mette a disposizione altrimenti che ce ne facciamo di tutto sto ben di Dio chiamato Internet? 😀





Da dove provengono gli utenti che visitano il nostro blog?

12 05 2008

ProBlogger.net ha condotto un sondaggio su un ampio numero di bloggers per cercare di capire quali siano le principali fonti di traffico verso i loro siti (blog). I risulatati sono schemattizzati in questo grafico a torta:

traffico_blog prvoenienza

E’ interessante fare alcune osservazioni:

  • il web 2.0 è un fenomeno abbastanza recente, diciamo per approssimazione 3 anni. Sebbene 3 anni nel mondo di Internet sia un’eternità è interessante notare come il contributo dei social media (e network) sia ancora relativamente basso, sebbene sia in crescita.
  • solo l’11% del traffico è dovuto alle sottoscrizioni di tipo RSS e feed. Direi che nonostante tutto gli RSS devono fare ancora tanta strada.
  • la provenienza da altri siti e altri blog, che solitamente avviene tramite blogroll, trackback e citazioni, è appena 1/5 di tutto il traffico. Quindi a quanto pare non serve più di tanto essere presente in più blogroll possibili 🙂
  • Google è ancora il re incontrastato del web (e sai che novità!). Non solo contribuisce al 46% del traffico di provenienza ma la sua dominanza è imbarazzante se messa a confronto con gli altri motori di ricerca che tutti assieme danno un misero 1% 😯

A chiusura del post vi ricordo che questo sondaggio è stato condotto da un sito americano e su blog in prevalenza in lingua inglese. Sarebbe interessante condurne uno simile per i blog italiani perchè sono convinto che ci sarebbero notevoli differenze.

[Fonte: ProBlogger.net]





Google Reader potenzialmente dannoso?

9 05 2008

Google Reader si rinnova e a quanto pare tutti sono felici: più social qualcosa, più Web 2.0.1, più funzionalità, più condivisione, etc, etc.

Usando le nuove caratteristiche (che non so se siano abilitate anche per la versione italiana) ho notato però anche un particolare che sebbene al primo impatto sembra interessante, subito dopo ci si accorge di quanto sia potenzialmente dannoso.

Scenario:

  • leggo un feed e lo trovo interessante e decido di condividerlo sulla mia pagina personale di Google Reader con la nuova opzione share with note
  • mi si apre una finestrella all’interno della pagina in cui cui posso aggiungere le mie note sul post che sto per condividere
  • sopra l’area di testo delle note compare anche il contenuto del feed. Se ci clicco sopra posso visualizzare il codice html di quel feed
  • modifico a piacimento l’html, clicco al di fuori dell’area del codice e magicamente il post originale è stato modificato, pronto per essere condiviso!

Ora a me sembra uno strumento facile facile per manipolare a proprio piacimento gli articoli scritti da altri. Ci possono essere mille ragioni per modificarli, sia buone che cattive, ma sta di fatto che il post non è più quello originale e la sua versione alterata si può facilmente propagare nella rete.

Concludendo: a me pare un’arma a doppio taglio, Voi che ne pensate?





LOLCats

4 04 2008

Ci sono certi siti che se non esistessero bisognerebbe per forza inventarli. E pensare che spesso l’idea che sta dietro ad un grande sito di successo spesso è la più semplice, la più banale:

Il gatto o meglio sua maestà Felis silvestris catus.

Si proprio loro, i migliori animali domestici, i peggiori nemici dell’uomo (perché sono dannatamente furbi a vendicativi 🙂 ), ma che senza di loro chissà quante persone non potrebbero vivere (io compreso). Il gatto è senza dubbio un animale speciale e la storia lo dimostra: pensate ai tempi degli egizi, era considerato una divinità, nel medioevo invece il braccio destro del diavolo. Quindi qualunque potere gli si attribuisca, il gatto è senza dubbio un animale affascinante che ha sempre avuto un ruolo importante nella storia della cultura. Chi non vorrebbe nascere o reincarnarsi in un gatto? chi non vorrebbe farsi coccolare e fare le fusa?

Le foto di gatti domestici sono sempre andate di moda e mai questa moda morirà. Persino agli albori di Internet le immagini dei gatti facevano le prime comparse sulle pagine dei siti amatoriali. Con l’avvento dei weblog era cosa comune pubblicare una foto del proprio gatto o almeno parlarne in più post a tal punto che è diventato il tipico luogo comune dei blog addicted.

Quindi perché non dedicare un sito interamente a loro?
Detto fatto, anzi detto fatti (e tanti)!

Credete che siano siti per appassionati e basta? Vi sbagliate, a meno che gli appassionati di gatti non siano in grado di produrre la bellezza di 1.500.000 visite ogni giorno (fonte) su uno di questi siti! 😯

E come ci sono riusciti?
Beh semplice, hanno inventato (se così si può dire) la moda dei LOLCats.

Leggi il seguito di questo post »





ASCII map

17 03 2008

Vi siete mai chiesti che effetto si ottiene combinando l’ASCII art e le mappe del nostro globo?

Beh, qualcuno se lo è domandato e ci ha anche provato e, grazie al servizio Google Maps, il risultato lo trovare sul sito ASCII Maps.

Buona navigazione sulle mappe in ASCII 🙂





Google – Siamo spiacenti…

10 03 2008

Grazie per la considerazione, Google 😐

Me lo ricorderò questo affronto le prossime volte che ti userò per fare le mie ricerche sul web.

google_sorry
Ma che faccia tosta! (virus? oltretutto uso Linux!)

Siamo Spiacenti

Si si, spiacenti un paio di palle! 👿

Speriamo di rivederti in Google

Vorrei tanto poterti rispondere di no, ma senza di te, o grande G, non posso vivere (perlomeno nel mondo dell’etere, nella vita di tutti i giorni ne faccio benissimo a meno di te 😛 )