L’informatico poliglotta

4 06 2008

Ci sono persone che parlano una sola lingua, chi due e solitamente una delle due è l’inglese. Poi ci sono chi ne parla 3 come nel mio caso, di cui una è l’inglese, a fatica però, e le altre 2 bene (ammesso e concesso che il dialetto Varzese sia considerata una lingua :P ). Poi ci sono quelli più bravi che ne parlano 4 o 5 o di più.

Di fronte a cotanta bravura io mi inchino, ho sempre ammirato chi si destreggia bene con più lingue. Però quando mi ritrovo a scrivere il mio curriculum vitae alla voce competenze informatiche mi ritrovo senza volerlo a spatellare giù un elenco di linguaggi conosciuti più o meno bene che mi sembra quasi una rivincita morale (è proprio il caso di dire che culo!) :|

Certo era meglio conoscere il francese od il tedesco visto che sono circondato dalla Svizzera piuttosto che sapere a memoria System.out.println(“Hello World!”); :D

Ad ogni modo non posso neanche essere contento di sapermi destreggiare con una decina o più di linguaggi di programmazione o markup quando per caso trovo questo elenco e mi cadono le cosiddette a terra. E non contento scopro in quanti modi diversi posso dire quel fottuto “Hello World!”.

Ma si può? 338 linguaggi! che poi alla fine si usano sempre gli stessi. E che dire quando consulto le offerte di lavoro alla voce IT dove la frase più abusata è:

cercasi neolaureato, max 25 anni, con almeno 3 anni di esperienza. E’ richiesta l’ottima conoscenza dei linguaggi C, Java, php, C#, ASP, VB, Javascritp, …

e l’elenco prosegue per un paio di righe senza interruzioni. Diamoci una calmata, so anch’io poi che nessun ragazzo/a si iscrive più alle facoltà scientifiche comprese quelle informatiche. Si spaventano cavolo! piuttosto vanno a fare i provini per il GF o veline in tour che è molto meno impegnativo e più redditizio :)





Noi…

10 11 2007

Come sono cambiati i tempi…
Ricordi dei tempi che furono e che nella società moderna [purtroppo] non si vedono più.

Noi che la penitenza era ‘dire fare baciare lettera testamento’.
Noi che ci sentivamo ricchi se avevamo ‘Parco DellaVittoria e Viale Dei Giardini’.
Noi che i pattini avevano 4 ruote e si allungavano quando il piede cresceva.
Noi che chi lasciava la scia più lunga nella frenata con la bici era il più figo. Leggi il seguito di questo post »








Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.